Gestione delle acque per la prevenzione del Covid-19

L’Istituto Superiore di Sanità con il rapporto n. 10/2020 ha fornito le indicazioni necessarie per garantire la sicurezza delle risorse idriche e dei servizi igienici per la prevenzione della diffusione del coronavirus (SARS-CoV-2) e trasmissione dell’infezione (COVID-19). Il documento tratta le possibili fonti di esposizione lungo tutto il ciclo idrico integrato, la possibile persistenza e presenza del virus nelle matrici idriche e i consigli dell’Oms riguardo la gestione idrica.

I virus entrano nel ciclo idrico perché escreti da soggetti infetti e, trasferiti alla fognatura attraverso gli scarichi idrici di ambienti domestici e produttivi, sono collettati nelle acque reflue. Il rischio di trasmissione fecale-orale in questo caso può sussistere qualora le reti fognarie siano inadeguate o mancanti e vi sia la possibilità di dispersione di aerosol. Rischi specifici, non solo per gli operatori del settore, ma anche per il resto della popolazione, potrebbero riscontrarsi in condizioni di spurgo, pompaggio o qualora i reflui inquinassero un corpo idrico superficiale a causa di rotture o scarichi abusivi. In tal senso anche le attività ricreative lungo i corsi d’acqua e le coste potrebbero essere potenzialmente a rischio. È compito delle autorità competenti incrementare il monitoraggio e bloccare sul nascere qualsiasi malfunzionamento.

Per quanto riguarda gli impianti di depurazione risulta che le pratiche di trattamento siano efficaci all’inattivazione e alla rimozione del virus, così come per la filiera idro-sanitaria. Qui vengono applicate misure di controllo che prevedono la protezione delle risorse idriche captate, il trattamento, il monitoraggio e la sorveglianza per cui le acque destinate a consumo umano possono dichiararsi sicure rispetto ai rischi di trasmissione del Covid-19. Unica fonte di rischio correlato potrebbe essere la grande richiesta di approvvigionamento idrico durante il lockdown con una possibile conseguente riduzione della qualità dell’acqua erogata; tuttavia i gestori e gli enti di controllo modificando i loro protocolli di prevenzione sulla sicurezza dell’acqua potranno ovviare il suddetto rischio.

Per informazioni ed approfondimenti rivolgersi a ambiente@ceprasrl.it
 

Altre notizie

  • 25 Ottobre 2021

    Prodotto

    Regolamento europeo “Conflict Minerals”

    Il Regolamento (UE) 2017/821 (D.lgs n.13 del 2 febbraio) stabilisce l’obbligo di applicare il dovere di diligenza per gli importatori di minerali e metalli da zone di conflitto e ad alto rischio (i c.d....

  • 22 Ottobre 2021

    Prodotto

    DOGANE: RAFFORZAMENTO DEI CONTROLLI REACH E CLP

    A tutela dei consumatori, dei lavoratori e dell’ambiente, il 5 agosto 2021 il Ministero della salute e l’Agenzia delle accise, delle dogane e dei monopoli (di seguito ADM) hanno sottoscritto la convenzione...

  • 19 Ottobre 2021

    Igiene e Sicurezza

    Pubblicato il DPCM in merito ai controlli sul Green pass nei luoghi di lavoro

    Sulla GU del 14/10/2021 è stato pubblicato il DPCM del 12 ottobre 2021 (link), che modifica il precedente decreto del 17 giugno e contiene anche alcune novità in merito ai controlli sul Green pass. Sono...